Finanza Comportamentale

image.png

La finanza comportamentale studia le decisioni di investimento delle persone dal punto di vista psicologico.
Il suo obiettivo, come si può dedurre già dal nome, è comprendere i comportamenti dei singoli investitori partendo dalla tesi che le persone non sono completamente razionali e i mercati non del tutto efficienti.
Benjamin Graham, padre del value investing, affermava il maggior problema nonché il peggior nemico di ogni investitore è sè stesso”. Non sarebbero dunque i mercati, ma l’irrazionalità a far si che si realizzino perdite sugli investimenti.
Perché abbiamo tutti una grande nemica: la paura! Di perdere il capitale, di averne bisogno all’improvviso, che il mondo finisca su una perdita in borsa. Questo è un esempio degli errori cognitivi della finanza comportamentale, delle emozioni che descrivevo come l’Inside out della finanza.
La paura è solo la prima dei tanti bias (pregiudizi) che ci ostacolano quando facciamo scelte in campo finanziario, non è l’unica colpevole: soprattutto gli uomini spesso soffrono di overconfidence, ovvero pensano di essere invincibili, di conoscere i mercati meglio di quanto conoscano la loro famiglia e scommettono sul titolo certo che non potrà che guadagnare perché lo hanno letto su Facebook o meglio lo ha consigliato l’amico che ha una “dritta” (una volta era il direttore di banca, ma adesso ha perso un po’ del suo appeal). È l’estremo opposto alla paura: non ho paura di niente, niente può fermarmi, se non lo schianto del portafoglio investimenti.

Questo articolo è tratto dalla mia Newsletter di febbraio, se vuoi ricevere la prossima iscriviti dal sito o inviami una mail con scritto “Newsletter” .

 

Pensi sia meglio il “fai da te” per investire?

 

finanza comportamentale

Il “fai da te” è il comportamento opposto di chi preferisce mettere i soldi sotto il materasso, invece di non decidere nulla, si è colti da un eccessiva fiducia in sé stessi, tanto da pensare di essere in grado di fare tutto da soli. Parlando pochi giorni fa con una persona mi ha detto, “ma sai, oggi le informazioni sono su internet a disposizione di tutti, io leggo e poi decido i miei investimenti”.

Ma le informazioni sono disponibili per tutti allo stesso momento? Certo che no! Continua a leggere “Pensi sia meglio il “fai da te” per investire?”