L’investimento nella pianificazione finanziaria

Abbiamo stabilito gli obiettivi della pianificazione, stabilito quanto tenere come liquidità nel conto corrente e come riserva in strumenti finanziari di breve-medio periodo, finalmente iniziamo ora a parlare di investimento!

L’investimento è la parte del patrimonio che non  serve per i bisogni correnti e nemmeno straordinari, sono soldi che non  serviranno se non, forse, per realizzare un obiettivo di lungo periodo, ad esempio comprare la seconda casa al mare.

Quindi non stai investendo se tieni i soldi nel conto corrente, me nemmeno se compri un fondo monetario o assimilato con un orizzonte temporale breve, inizi ad investire quando ragioni almeno a 5 anni.

I cinque anni non sono un vincolo, non stiamo parlando di penali di uscita o altri balzelli, stiamo parlando del corretto orizzonte temporale di un investimento.

L’orizzonte temporale è il tempo consigliato per tenere un investimento, nel caso  di un fondo bilanciato o azionario, si tratta di almeno cinque anni.

Questo ha delle conseguenze, se ragioni a 5 anni:

  •  puoi essere disposto ad assumerti un rischio più elevato
  •  una percentuale di azionario nel portafoglio non dovrebbe spaventarti
  •  puoi essere più sereno nello scegliere in cosa investire
  •  il piano di accumulo sarà uno strumento utilissimo

Quindi se ad esempio hai 100.000 euro è giusto tenere diecimila euro sul conto corrente, e magari 40.000 in riserva, ma sui 50.000 che restano puoi permetterti di sopportare un profilo di rischio più elevato. Piuttosto che investire tutti i 100.000 su un profilo di rischio prudente o conservativo, puoi accettare un profilo equilibrato sul cinquanta per cento, proiettando l’investimento ad almeno 5 anni.

I temi degli ultimi post sono quelli del mio salotto dedicato alla Pianificazione Finanziaria, se vuoi approfondire ce ne sarà un altro in primavera, vieni a trovarmi o scrivimi qui per una consulenza gratuita!

Giocare in borsa

unknown

 

Perché usiamo il termine giocare quando parliamo della borsa?

Che gioco sarebbe? Il termine corretto è investire in borsa, ma noi diciamo giocare. C’è in queste due parole la spiegazione di tutto quello che pensiamo o crediamo di sapere dei nostri investimenti, vediamo di analizzarle:

  • si gioca con la Barbie e i soldatini da piccoli, si gioca con la Play Station da adolescenti, si gioca con l’Ipad, al lotto, al Casinò da grandi.
  • si investe in un fondo, in un titolo, in un Etf, anche in borsa se proprio lo si ritiene necessario, ma non è un gioco!

Giocare significa avere l’obiettivo di breve termine di una vittoria e avere coscienza di un possibile sconfitta,  investire significa pianificare, scegliere e avere pazienza, tanta!

Se gioco devo smettere quando perdo, se investo so che se ho pianificato devo aspettare il famoso lungo periodo per ottenere dei risultati. Se gioco non ho pazienza, se investo devo averne. “Investire è come aspettare che asciughi la vernice o che cresca  un filo d’erba” ha detto qualcuno.

Che stia in questo equivoco la delusione per le aspettative troppo alte? Che stia in questo equivoco il comprare il titolo che mi ha consigliato mio cugino invece di interpellare un professionista? Che stia in questo equivoco il pensare di arricchirsi senza fatica?

Buon week end a tutti.

“Investire dovrebbe essere un po’ come guardare la vernice asciugarsi o l’erba crescere, se cerchi emozioni prendi 800 dollari e vai a Las Vegas” Paul Samuelson