I vantaggi fiscali del Fondo Pensione

Continuiamo a parlare di tassazione: il Fondo Pensione.

Per incentivare le persone ad aderire al Fondo Pensione e quindi ad occuparsi e a preoccuparsi del loro futuro, lo Stato ha un unico mezzo: far pagare meno tasse. Per questo ha introdotto una serie di agevolazioni fiscali che vogliono favorire questo tipo di investimento.

Per poter usufruire di questi benefici, occorre rispettare delle regole che sono state pensate per far si che le persone si sentano impegnate a progettare il loro futuro, in particolare:

– non è possibile riscattare il fondo pensione se non quando si hanno certi requisiti. Questo differenzia dunque il fondo pensione dagli altri investimenti che possono essere chiusi a richiesta.

– a scadenza non è possibile riscattare tutto il capitale, ma 50% in capitale e 50% in rendita, (È possibile chiedere il 100% in capitale se, convertendo il 70% della posizione individuale in rendita, si abbia una rendita annua di importo inferiore al 50% dell’assegno sociale)


Ma vediamo i vantaggi fiscali:
1/ deducibilita’ dei versamenti: quanto versato al FP è deducibile nel limite di 5.164 euro annui. Vale a dire che la somma versata viene dedotta dal reddito imponibile e quindi non tassata nell’anno del versamento. Il risparmio che ne deriva sarà in base all’aliquota marginale pagata dal cliente. Se verso 5.164 euro e pago il 37% di tasse, risparmierò 1.900 euro, se la mia aliquota è il 43, risparmierò 2.220 euro. È possibile usare i 5.164 euro per se stessi o per i famigliari a carico. Quando si apre un fondo pensione per un figlio è conveniente sia il genitore con l’aliquota più alta a farsene carico, per massimizzare il risparmio fiscale. Si sta discutendo di aumentare questa cifra che in effetti è piuttosto bassa.
2/ capital gain. Sul guadagno che realizza il fondo pensione si paga il 20% di aliquota invece del 26% come avviene per gli altri investimenti. Anche questa è una agevolazione, anche se più bassa che in passato. Quando questa aliquota fu alzata, portandola dal 11,50 al 20%, ci furono molte proteste in quanto questa decisione non andava nella direzione di incentivare i fondi pensione.
3/ assenza dell’imposta di bollo: sugli investimenti si paga ogni anno una imposta di bollo nella misura dello 0,20%. Questa imposta non si applica ai fondi pensione.
4/ tassazione agevolata nel momento del riscatto.Abbiamo visto che versando a fondo pensione non si pagano tasse fino a 5164 euro. Ma queste somme non saranno esenti per sempre. Nel momento del riscatto si pagherà una aliquota massima del 15% e minima del 9, in base a quanti anni si è mantenuto il fondo.Si applica un’aliquota massima del 15% che può scendere dello 0,30% all’anno dopo il quindicesimo anno di partecipazione al fondo fino a un minimo del 9%.

Abbiamo visto che la metà del fondo pensione andrà trasformato in rendita, che tassazione si paga sulla rendita? Si mantiene la tassazione agevolata: è applicata una ritenuta a titolo d’imposta con aliquota massima del 15%, dopo i 15 anni ogni anno si sconta uno 0,30% fino ad arrivare al 6% di sconto massimo complessivo. Chi investe in un fondo pensione nel lungo periodo può quindi far scendere l’aliquota al momento dell’erogazione dal 15% fino al 9%.
Vediamo ora un riepilogo delle varie aliquote in base al motivo del riscatto:

  • Riscatto totale o del 50% della posizione accumulata per invalidità, disoccupazione: si apllica un’aliquota massima del 15% che può scendere dell0 0,30% all’anno dopo il quindicesimo anno di partecipazione al fondo fino a un minimo del 9%.
  • Riscatto totale degli eredi o dei beneficiari in caso di morte del titolare del fondo: la tassazione prevede un’aliquota agevolata dal 9% al 15% ed è esente da imposta di successione.
  • Riscatto per perdita dei requisiti partecipativi: se un lavoratore cambia settore ed è iscritto a un fondo di categoria può lasciare il fondo. In questo caso l’aliquota è del 23%.
  • RITA (rendita integrativa temporanea anticipata) può aiutare un lavoratore a cui mancano tra i 5 e i 10 anni alla pensione e ha perso il lavoro. Il RITA prevede un riscatto totale o parziale sotto forma di rendita, fino al momento in cui si percepirà la pensione principale, tutto o solo parte del capitale accumulato nel fondo. La tassazione prevede un’aliquota agevolata dal 15 al 9%.

Tassazione delle anticipazioni

L’erogazione anticipata di una parte di quanto versato nel fondo può essere richiesta come anticipazione, le tasse si pagano su quanto erogato, al netto dei redditi già tassati, cambiano le aliquote e il momento in cui si possono chiedere, in base al motivo della anticipazione:

  • Spese sanitarie a seguito di gravissime situazioni per sé stessi, coniuge e figli per fare fronte a terapie e interventi straordinari. La ritenuta a titolo d’imposta prevede un’aliquota massima del 15% che scende dello 0,30% per ogni anno dopo il quindicesimo anno di partecipazione al fondo e fino a limite massimo del 9%.
  • Acquisto e ristrutturazione prima casa per sé e per i propri figli. Può essere chiesto dopo otto anni dall’iscrizione al fondo e alla somma si applica una ritenuta a titolo di imposta del 23%.
  • Liquidità senza particolari motivi, dopo otto anni di iscrizione. In questo caso si può chiedere un importo non superiore al 30% del patrimonio versato nel fondo e si applica una ritenuta a titolo di imposta del 23%. 

Ti lascio un riepilogo di quanto detto in questa tabella, chiamami per valutare insieme la tua situazione pensionistica, inizia a pensare al tuo futuro. 

Welfare Aziendale /1

 

welfare_territoriale

 

Per welfare aziendale si intende un insieme di benefit e prestazioni, diffuso soprattutto nelle multinazionali, finalizzato a superare la componente meramente monetaria della retribuzione al fine di sostenere il reddito dei dipendenti e migliorarne la vita privata e lavorativa.

Sembra che riguardi solo le grandi multinazionali, impegnate da tempo a migliorare il benessere dei dipendenti, in realtà riguarda tutte le imprese.

Stamattina ho presentato un report sul welfare ad una impresa con 26 dipendenti che,  grazie ad uno studio di consulenza illuminato che  non si limita a fare le buste paga, sta valutando i benefici che derivano dal welfare.

L’attivazione di questi servizi permette di avere  vantaggi fiscali sia per gli imprenditori che per i lavoratori, facciamo un esempio: a fronte di un premio di 2,500 euro in busta paga, l’azienda paga 3.250, al dipendente arrivano circa 1.600. Ben 1.650 euro, più di quanto incassa il dipendente, si disperde in tasse (l’azienda paga il 30% di Inps e il dipendente il 9,19% di Inps più l’aliquota Irpef), con il welfare aziendale l’azienda risparmia e il dipendente può usufruire di beni e servizi per una somma superiore a quanto riceverebbe in denaro.

Oltre a ciò, molto interessante l’analisi che riguarda:

  • il TFR
  • gli incentivi ad personam

Il welfare è una materia molto complessa, a noi il compito di colloquiare con  imprenditori, commercialisti e consulenti del lavoro per sfruttare le opportunità previste dalla legge, ottenendo anche vantaggi intangibili quali il miglioramento del clima aziendale e la fidelizzazione dei dipendenti.  Se vuoi saperne di più contattami.