Avversione alla perdita

 

perdita

Continuiamo il nostro discorso sulla finanza comportamentale parlando di avversione alle perdite. Sembra banale: le perdite ci danno fastidio, ma si tratta di ben più di questo.

L’avversione alla perdita significa che una perdita ad esempio del 2% produce in noi una sofferenza molto superiore a quanto ci produca piacere un guadagno del 2%.

“in alcuni individui la percezione della perdita è due volte e mezzo più acuta rispetto a quella di un guadagno di pari entità.”

Quindi un guadagno o una perdita della stessa entità vengono percepiti in maniera diversa.

Quanto diversa dipende dalla propensione al rischio dell’individuo e da quanta “razionalità” riesce ad usare nella decisione di investimento.

Dobbiamo tenerne conto e cercare con il cliente di definire un orizzonte temporale corretto, in modo da non soffrire eccessivamente per le singole oscillazioni di mercato.